Alpe di Siusi – Alto Adige

Alpe di Siusi - Dolomiti

Alpe di Siusi – Dolomiti

Ogni estate trascorro qualche giorno sull‘Altopiano dello scilliar e soggiorno sempre all’Hotel Miramonti a S.Costantino, una frazione di Fiè allo Scilliar. L’albergo dispone di piscina esterna ed interna, centro benessere con ottime saune finlandesi e un bagno turco dove l’indumento non è obbligatorio. Hanno un valido centro wellness dove eseguono ottimi massaggi. Curiosità molto apprezzata: gli animali sono ammessi in camera e dalle 16 alle 17,30 c’è la merenda, ossia l’albergo mette a disposizione degli ospiti ottime torte da gustare, bevande escluse. Ulteriore nota: al bar si beve birra Forst kronen e la weizen weihenstephan, buonissima.

sentiero fiè  foto 1: il sentiero verso fiè

La mia tappa preferita, che affronto ogni anno partendo dalla finivia a monte, è il sentiero che porta al rifugio Bolzano, che si raggiunge dal rifugio Saltner, con ritorno  ad anello tramite il sentiero che porta ai laghetti di Fiè e quindi a S.Costantino:  il percorso è impegnativo ma molto ripagante per il paesaggio che si può ammirare (si vede addirittura la val di fassa e l’arrivo della funivia di Campitello, le torri del Vaiolet, il Catinaccio e il Latemar

discesa fiè foto 2: la discesa verso fiè dal rif.Bolzano

Un altro percorso, altrettanto valido e impegnativo, è quello che ti riporta al punto di partenza della funivia tramite il sentiero ad anello dell’Alpe di Tires, con ottima panoramica delle dolomiti del Catinaccio e dei Denti  di Terrarossa di Tires, partendo dal rifugio Zilinger fino a raggiungere il rifugio Moulignon, da qui c’è il sentiero impegnativo che arriva in cima al rifugio Alpe di Tires e da qui si può raggiungere il rifugio Bolzano oppure tornare al rifugio zilinger scendendo lungo il sentiero realizzando un percorso ad anello che si incrocia con il sentiero per la val Duron (che porta in Val di Fassa)

sasso piatto  foto 3: vista del Sasso Piatto (gruppo del Sella)

Un altro percorso è quello che dal rifugio Zilinger sale in quota al rifugio Sasso Piatto per poi proseguire verso il rifugio Molignon e Saltner raggiungendo il bivio con la val Duron

alpeMerita anche il sentiero della Bullaccia, non impegnativo con vista panoramica sulla val gardena: si parte dal punto di arrivo della funivia e si effettua un percorso ad anello che si addentra nei boschi  della bullaccia su un sentiero che parte subito sopra la zona residenziale, con possibilità di sosta in una malga lungo il percorso e ritorno nel punto di partenza, durata 4 ore circa. Si può, in alternativa raggiungere Saltria a piedi o in pullman e ritornare al punto di partenza facendo un percorso ad anello in quota molto valido, raggiungendo il rifugio-albergo Panorama

Merita la visita a Castelrotto e al suo castello, ma anche Fiè e Siusi allo Scilliar e i laghetti di Fiè

Durante la prima e la seconda settimana di agosto si svolge la serata delle streghe con negozi aperti e manifestazioni di rievocazione storica

Buona passeggiata

Mirco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...