La riflessologia plantare

SALUTE: LA RIFLESSOLOGIA COSE’

Il tuo corpo te ne sarà grato e saprà ricompensarti con una migliore circolazione sanguigna e linfatica, migliore digestione, maggiore attenzione ed energia:

disintossicaParliamo di Massaggi: Per i tailandesi il massaggio è una cosa sacra che aiuta a ritrovare la pace interiore e a ricollegarsi con il proprio spirito interiore. il massaggio tailandese dei piedi non fa solo parte di uno dei rami della medicina tailandese, ma è anche uno dei trattamenti più popolari.I piedi rappresentano il corpo umano in miniatura e rispecchiamo tutto ciò che accade nel nostro corpo.’Obiettivo del massaggio è ristabilire l’equilibrio nel flusso energetico che passa attraverso tutto il corpo, stimolando in questo modo i processi auto curativi. Il massaggio funge da azione preventiva nel mantenere la salute, stimolando il sistema immunitario, rilassando i nervi, portando gioia e vitalità nonché aumentando la resistenza alle malattie. Il massaggio, inoltre, ha un effetto antistress – dona alla persona le forze per affrontare i problemi quotidiani.

Cos’è la riflessologia (testo di Simona Franco, riflessologa in Milano):
“Non tutti probabilmente conosceranno cosa sia e di cosa si occupi la riflessologia.
L’ideale è quindi iniziare da queste nozioni per poi spiegare meglio tutto ciò che gira intorno a questo mondo unico.
La riflessologia è un trattamento speciale, differente da quelli a cui potresti essere abituato, che cerca attraverso l’utilizzo di molte tecniche di massaggio e riflesse di far ritrovare il benessere e la salute in modo naturale.
Rientra nella sfera dei trattamenti alternativi e complementari alla medicina tradizionale: alternativa perché si basa su principi sostanzialmente differenti da quelli classici occidentali, ma ugualmente efficaci; complementare perché in molti casi è in grado di completare ciò che viene fatto dalla medicina classica.
In sostanza la riflessologia è in grado di stimolare organi, meridiani e parti precise del corpo semplicemente massaggiando e trattando parti distali del nostro corpo quai possono essere i piedi, le mani, le orecchie…
Per queste sue caratteristiche peculiari la riflessologia viene annoverata nella medicina olistica, che considera cioè tutto l’organismo umano come un’unità, un tutt’uno, con tutte le sue parti in continua comunicazione tra loro.
Questo è importante perché nella concezione occidentale si verte sempre più a una specializzazione estrema nell’ambito della salute, considerando il corpo per compartimenti stagni, spesso e volentieri senza considerare la sempre presente interrelazione delle parti.
La riflessologia è quindi un insieme di tecniche applicabili su qualsiasi parte distale del corpo: un massaggio piacevole, rilassante e capace di provocare delle reazioni benefiche in tutto l’organismo atte a migliorare la sua funzionalità e a donare un nuovo e globale equilibrio psico-fisico, fisiologico ed energetico.
Come funziona
Quando sento parlare di riflessologia capita spesso di sentire nozioni un po’ confuse e poco precise.
Per molti versi la riflessologia è più articolata rispetto a un classico massaggio o trattamento massoterapico: permette infatti di indagare e trattare la persona nel suo insieme ricercando squilibri e situazioni non fisiologiche causa di malattia e disagio.
Una delle parti più importanti è senza dubbio l’indagine energetica: grazie ai principi della riflessologia e a un’accurata osservazione di precise parti del corpo è possibile ottenere un quadro fisiologico ed energetico molto preciso della persona.
In questo modo è possibile studiare un massaggio ad hoc disegnato sulle necessità del momento della persona.
Entriamo così nella seconda parte del trattamento: la stimolazione vera e propria di precisi punti riflessi permette di ottenere le reazioni volute e necessarie alla persona trattata per raggiungere il proprio equilibrio e benessere.
La riflessologia sfrutta prima di tutto questo principio: il trattamento di punti particolari permette di stimolare il corpo a particolari reazioni capaci di ricreare e ripristinare il corretto funzionamento generale del corpo.
La riflessologia in questo modo lavora su diversi livelli: a livello psico-fisico (anche emotivo), a livello strutturale, a livello funzionale e a livello energetico.
I suoi obiettivi
L’obiettivo principe di qualsiasi trattamento di riflessologia e senza dubbio l’equilibrio.
Equilibrio sia a livello energetico che fisiologico, strutturale ed emozionale.
Essendoci alla base il principio olistico e del collegamento riflesso, la sfera mentale è infatti strettamente legata al tuo organismo fisico: lavorando sull’uno agisci anche sull’altro e viceversa.
Quando siamo in equilibrio i processi e le reazioni nel nostro corpo avvengono in modo spontaneo, naturale e corretto.
La rigenerazione cellulare ad esempio migliora (sia a livello estetico che funzionale) e anche le cellule nervose che da sempre si considerano come non rigenerabili (anche se ricerche molto recenti dimostrano una rigenerazione costante in età adulta per esempio nella zona dell’ippocampo) si deteriorano più lentamente, o meglio, si mantengono sane più a lungo.
Ristabilire ordine e funzionalità nel corpo e nell’organismo della persona trattata significa anche ridonare vitalità alla sfera emotiva, ma anche al nostro sistema immunitario.
Mai sentito parlare di autocura?
Il nostro corpo ha un sistema immunitario fantastico, capace di far fronte a tutte le situazioni che gli si parano davanti, ma che in caso di stress eccessivo perde colpi, portando ai più disparati problemi.
La riflessologia è in grado di riportare il tuo sistema immunitario a livelli di efficienza ottimali.
Vi riporto una curiosità, a testimonianza di quanto sia fantastico il nostro corpo: quando è in un equilibrio perfetto ogni 7 anni si rigenera la maggior parte del nostro organismo da solo.
Come avrete intuito, un riflessologo si pone come unico scopo il benessere altrui: prendersi cura del corpo di chiunque si avvicini a questa metodica riequilibrandolo e donandogli salute è lo scopo ultimo di chi sceglie di praticare la riflessologia.
Grazie alla riflessologia tutti possono ritrovare il proprio benessere in modo naturale, piacevole, olistico e senza l’ausilio di altro se non delle proprie mani.
La riflessologia viene utilizzata per migliorare la tua salute sia in caso di assenza di patologia conclamata, sia in presenza di malattia.
Se nel primo caso i risultati si vedono in una maggiore vitalità, un maggior grado di rilassamento con un drastico calo della tensione generale e dello stress, nel secondo abbiamo:
una guarigione più rapida e migliore
un sistema immunitario più forte con minor incidenza di malattie e disturbi
un miglioramento nel funzionamento di tutti gli apparati e organi trattati di riflesso
minor grado di stress
una aumentata lucidità mentale e un notevole giovamento al pensiero”.

Massaggiare i nostri piedi

punto-tai-chongMassaggiare i nostri piedi ha effetti incredibili sul nostro corpo e sulla nostra salute. Si tratta di un semplice metodo che può alleviare moltissime condizioni.

Esistono dei punti dei piedi che sono connessi a determinate aree del nostro corpo, e possono dare sollievo a moltissime condizioni.

punto tai chongUno dei punti più usati ed efficaci è il punto Tai Chong. Si trova nella membrana, fra l’alluce e l’indice. Per stimolarlo basta applicare una leggera pressione, effettuando dei leggeri massaggi, ogni mattina e per almeno 3 minuti (vedi foto sopra).

Stimolando questo punto è possibile migliorare le funzioni del fegato e della vista, e alleviare dolori mestruali, mal di schiena, mal di testa ed insonnia.

Un altro punto importante dei nostri piedi si chiama “Three Yin Crossing”, e si trova proprio sopra l’osso della caviglia, lungo la parte posteriore della tibia. Stimolare questo punto aiuta ad alleviare il dolore alle ginocchia e alla parte bassa della schiena (zona lombare).. Tratto da Ecco perchè devi stimolare questi punti dei piedi

allergiaALLERGIE: Le allergie sono indici di forza vitale indebolita o frenata.
“A chi o a che cosa si è allergici?”
A prescindere dai meccanismi che dertminano l’allergia e dalle cause presenti nel cibo, nell’ambiente e nei farmaci, alcuni sono allergici ad altre persone e ai loro comportamenti. Alcuni modi di dire ne sono un esempio: “questa persona non la sopporto” è un’espressione comune di chi soffre di febbre da fieno; “mi manca il respiro” dicono gli asmatici con difficoltà nei rapporti con le persone che li circondano; “non ho la pelle dura di cui avrei bisogno” riferiscono persone sensibili che non riescono a conciliare la vita professionale e quella familiare e manifestano malattie cutanee di varia natura.
L’allergia è solo l’agente di disturbo che in modo molto seccante e insistente indica la possibilità e la necessità di un cambiamento; così da divenire stabili e modificare una spiccata ipersensibilità in una sana sensibilità. (tratto da “Manuale di riflessoterapia al piede” H. Marquardt)
“…ti suggerisco di verificare che cos’è accaduto nelle ventiquattr’ore precedenti la reazione allergica…quale persona trovi intollerabile o insopportabile; e dal momento che non puoi cambiare gli altri, non ti resta che imparare a guardare con gli occhi del cuore” (“Quando il corpo ti dice di amarti” Lise Bourbeau)

Da provare

Mirco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...